Strumenti personali
logo per stampa
top
ER | Home Catalogo Materiale Cartografico Mappe cartacee Pianificazione e catasto
Nascondi riquadro

Pianificazione e catasto

Informazioni utilizzate per azioni adeguate riguardanti l'utilizzo futuro del territorio. Questo argomento si applica alle seguenti categorie tematiche di dati territoriali della direttiva 2007/2/CE: "Parcelle catastali" (allegato I, punto 6), "Utilizzo del territorio" (allegato III, punto 4) e "Zone sottoposte a gestione/limitazioni/regolamentazione e unità con obbligo di comunicare dati" (allegato III, punto 11).

no preview

Resource Carta della Capacità d'Uso dei Suoli 1:200.000 - Prima edizione

La carta rappresenta una derivazione della prima Carta dei Suoli 1:200.000 edita nel 1979, e suddivide il territorio in classi che ne illustrano il grado di idoneità a sostenere con successo le normali colture agricole e silvo-pastorali per lungo tempo, senza causare degradazione. Il territorio è stato suddiviso in otto classi di capacità d'uso in funzione del grado di idoneità a sostenere con successo le normali colture agricole e silvo-pastorali per lunghi periodi di tempo, senza manifestare fenomeni di degradazione del suolo, mantenendo inalterati i livelli di conduzione e gli apporti tecnologici. All'interno di ogni classe sono state individuate sottoclassi in funzione del vario combinarsi dei fattori limitanti più gravi alle utilizzazioni suddette. Lo schema di classificazione è quello proposto nel 1996 dal Servizio Conservazione del Suolo del Dipartimento Agricoltura degli U.S.A.

Info | Acquista

no preview

Resource Carta di base del paesaggio archeologico 1:25.000 - Edizione 1989

La carta, che è stata acquisita in elaboratore, costituisce un inventario topografico delle aree regionali di maggior interesse archeologico-paesistico, cioè quelle con la presenza di reperti omogenei ed estesi per spazi extraurbani considerevoli, in zone comunque non fortemente compromesse da massicce modificazioni paesistiche. Si tratta di circa 400 aree, comprendenti 68 aree di interesse archeologico oggetto di vincolo ministeriale (legge 1089 del giugno 1939) e una ventina di aree archeologiche di proprietà dello Stato. Realizzata nel 1985 in una prima stesura provvisoria come materiale informativo preparatorio per la realizzazione di quanto indicato dalla legge 431/85 (Legge Galasso), è stata completata all'inizio del 1987 ed aggiornata al dicembre 1988. Il lavoro è stato esteso a tutto il territorio regionale, interessando 107 delle 160 "tavole" in scala 1:25.000 della Carta topografica, in quanto solo in tali tavole si sono identificate aree di interesse archeologico-paesistico. Il lavoro, di natura prevalentemente metodologica e classificatoria, individua gli elementi di base del paesaggio archeologico regionale e costituisce, in questa prima fase, una griglia di riferimento per la raccolta di ulteriori informazioni ed approfondimenti. La Carta di base del paesaggio archeologico è nata dalla collaborazione tra la Regione Emilia-Romagna e il Ministero Beni Culturali e Ambientali - Soprintendenza Archeologica dell'Emilia-Romagna.

Info | Acquista

DirCatalog Usi del suolo

Usi del suolo

Azioni sul documento

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it
loading